Salta al contenuto

Le nuove norme della Regione Toscana per gli affitti turistici.

Dal 1° marzo sono entrate in vigore le nuove norme che rivoluzionano il settore degli affitti turistici in Toscana. Scopri le novità.

Le modifiche apportate alla Legge Regionale 20/12/2016 n° 86 (il “Testo unico del sistema turistico regionale”) hanno introdotto nuovi importanti adempimenti per chi dà in locazione immobili o porzioni di immobili di proprietà per finalità turistiche.

La Toscana è la prima regione italiana ad introdurre il “Codice affitti” e a stabilire l’obbligo per il padrone di casa di inviare una comunicazione al Comune dei dati degli alloggiati.

Ma vediamo nel dettaglio cosa devono fare i locatori.

Ad ogni locatore che intende affittare un immobile di proprietà a fini turistici viene assegnato un codice identificativo utile per accedere ad un portale creato dalla Regione per poter identificare tutti gli immobili che vengono concessi in affitto.

Poi è necessario compilare una scheda da consegnare all’amministrazione per comunicare le caratteristiche dell’immobile (il numero delle camere, i posti letto disponibili, i servizi ecc.) ma anche:

  • il periodo durante il quale si intende locare l’alloggio
  • i portali usati per promuovere l’affitto
  • l’eventuale forma imprenditoriale di esercizio dell’attività.

In seguito il locatore è tenuto a comunicare le presenze dei turisti che si trovano negli alloggi e a tenere la registrazione giornaliera dei turisti ospiti in arrivo e in partenza.

La comunicazione dei dati è obbligatoria anche in assenza di movimento. Nei periodi in cui non ci sono turisti nell’alloggio, andrà fatta con cadenza mensile.

Quello introdotto dalla Regione Toscana è senza dubbio un buon modo per monitorare il fenomeno delle locazioni turistiche, che ha assunto dimensioni sempre più imponenti negli ultimi anni anche grazie alle nuove opportunità offerte dalle piattaforme telematiche. L’obbligo di comunicazione al Comune inoltre è uno strumento valido per controllare eventuali elusioni o evasioni fiscali.

Allo stesso tempo però questa procedura telematica rischia di mettere in difficoltà molti proprietari di casa che hanno poca dimestichezza col settore immobiliare e con gli strumenti informatici, rappresentando forse un appesantimento burocratico eccessivo che potrebbe rendere indispensabile l’aiuto di un professionista anche per chi è sempre riuscito a gestire da solo l’affitto dei propri alloggi.

Se vuoi saperne di più, contattaci! Noi dell’Agenzia Immobiliare Area di Pisa abbiamo una lunga esperienza nel settore delle locazioni e saremo lieti di rispondere ad ogni domanda!

Ti aspettiamo.

Published inSettore ImmobiliareVivere a Pisa

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *