Salta al contenuto

Studenti, millennial e famiglie: a chi affittare?

Vuoi mettere a reddito un immobile e non sai chi potrebbe essere il tuo inquilino ideale?

Mettiamo a confronto 3 tipologie di locatari, con le loro caratteristiche ed esigenze.

1.Lo studente.

In Italia gli studenti universitari sono il 9,4% di coloro che cercano una casa in affitto, rappresentando un segmento di mercato che non puoi trascurare se vuoi guadagnare mettendo a reddito un immobile.

Nelle città universitarie come Pisa la domanda è in continua crescita, e ciò che i ragazzi cercano è un alloggio, di solito condiviso con altri inquilini, che garantisca:

  • vicinanza alla sede universitaria
  • vicinanza ai mezzi pubblici che permettano praticità e velocità negli spostamenti
  • adeguati spazi comuni.

Questo fa dello studente l’inquilino ideale per te se la casa che devi locare si trova in una zona universitaria, specialmente se l’appartamento è abbastanza grande per ricavarne varie stanze da affittare singolarmente.

Questo tipo di investimento ti consentirà di ottenere un guadagno maggiore rispetto a quello generato ad esempio dal canone di locazione pagato da una famiglia.

Fissa da subito il numero di posti letto più idoneo tenendo conto dei m² a disposizione, ma soprattutto in rapporto al numero di servizi igienici.

Ogni camera deve essere dotata di un arredo indipendente: qui l’inquilino deve essere in condizione di vivere in autonomia.

Temi che la casa o la mobilia possano subire dei danni? Trascrivi nel contratto di locazione un elenco dettagliato di ciò che viene fornito all’affittuario, specificando che ogni cosa dovrà essere integra nel momento in cui l’inquilino lascerà l’appartamento, pena il versamento di una quota.

Vuoi saperne di più? In questo articolo trovi altri consigli utili su come affittare casa a studenti, su quale contratto stipulare, quali detrazioni ti spettano e molto altro.

2.Il millennial.

Chi sono i millennial? Sono tutti i giovani nati tra gli anni ’80 e il 2000.

Costituiscono l’ultima generazione del XX secolo e la loro esistenza è segnata dal fatto di aver vissuto la rivoluzione digitale e la più grande crisi economica che si sia verificata dagli anni ’30.

Questi fattori incidono sul loro modo di vivere, di fare acquisti, di socializzare.

Qualunque loro attività (lavorativa o di svago che sia) non può prescindere da un collegamento Internet  e questo si ripercuote anche sul modo di abitare e sulle scelte legate alla casa.

Spesso costretti a spostarsi di città in città in cerca di una stabilità lavorativa, i millennial ambiscono all’acquisto della casa ma data la loro precarietà in ambito occupazionale sono ormai più predisposti a vivere in affitto.

A differenza degli studenti universitari, meno attenti ai particolari e alle condizioni dell’immobile, il millennial predilige case in ottimo stato, magari efficienti dal punto di vista energetico e predisposte alla tecnologia per programmare con semplicità ogni attività: dagli elettrodomestici in alta classe energetica all’impianto di riscaldamento, più la casa è smart e meglio è.

Il taglio più cercato è il bilocale e sono graditi spazi versatili in cui potersi concentrare sul proprio lavoro (che di solito i millennial svolgono in gran parte proprio da casa).

Puoi considerare questa categoria di inquilini per i tuoi investimenti soprattutto se hai a disposizione un appartamento piccolo ma in ottime condizioni e vicino al centro della città.

3.La famiglia.

Il mercato immobiliare si sta muovendo sempre di più verso la soluzione dell’affitto, complici sia una differente attitudine delle nuove generazioni nei confronti della casa sia, come abbiamo detto, un costante e incerto cambio nel mondo del lavoro.

Questo porta sempre più persone ad essere meno sedentarie, con frequente necessità di cambio di residenza.

Tale fenomeno non tocca solo i single ma, ovviamente, anche le famiglie.

La famiglia che cerca una soluzione in affitto richiede spazi adatti ad ogni membro del nucleo familiare, magari due bagni e un ripostiglio o una stanza da adibire a lavanderia.

Le parole d’ordine sono funzionalità e privacy.

Se il tuo immobile può offrire questo, preparati a stipulare un contratto di locazione duraturo: il più utilizzato è il contratto d’affitto 4+4, che permette alle parti di stabilire liberamente l’importo del canone, ma rispettando la durata minima obbligatoria di 4 anni, con rinnovo automatico di altri 4.

Hai difficoltà a trovare l’inquilino perfetto per te?

Affittare un immobile non è facile come potrebbe sembrare…

Per ogni tipologia di locatario devi conoscere bene il relativo segmento di mercato e proporre la tua casa in locazione mettendo in risalto le caratteristiche che la rendono adatta al target di cliente specifico.

Per questo essere affiancati da un professionista del settore è indispensabile.

L’Agenzia Immobiliare Area si occuperà di impostare al meglio la tua operazione immobiliare, dandoti un aiuto essenziale per trovare l’inquilino perfetto in tempi brevi.

Contattaci subito!

Published inVivere a Pisa

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *